M&G Consulting 

Risultati di ricerca di Studio M&G Consulting

70 results found for ""

Blog Posts (22)
  • Resto al Sud Invitalia: Che cos’è, i beneficiari e come presentare domanda

    Stai cercando dei fondi per avviare la tua attività o il tuo business nel mezzogiorno o al sud? Questo articolo è quello che fa al caso tuo. Bando alle ciance e partiamo subito, che di cose da dire ne abbiamo molte. 1- Chi è Invitalia 2- A chi è rivolto Resto al Sud 3- Caratteristiche del finanziamento 4- Come funzionano le agevolazioni 5- Come presentare la domanda 1- Chi è Invitalia Invitalia è l’Agenzia nazionale per lo sviluppo ed è di proprietà del Ministero dell’Economia. È impegnata a supportare lo sviluppo economico e il rilancio delle aree colpite da crisi. Nasce appunto come branchia del Ministero dell’Economia per rafforzare le imprese, farle sviluppare e crescere ma soprattutto per far nascere nuove attività, grazie ai suoi finanziamenti a tasso agevolato ma anche grazie ai suoi finanziamenti a fondo perduto che forse sono quelli che fanno più gola agli imprenditori. Tra i più annoverati finanziamenti disposti da Invitalia troviamo quelli disposti con “Io Resto al Sud” e “Smart&Start Italia”. In questo articolo vedremo in particolare il finanziamento di “Io Resto al Sud”, a chi è rivolto e come presentare la domanda. 2- A chi è rivolto Come tutti i bandi anche qui l’accesso è consentito grazie a particolari caratteristiche. Le agevolazioni sono rivolte agli under 56* che: al momento della presentazione della domanda sono residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia o nei 116 Comuni compresi nell’area del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche Umbria), oppure che trasferiscano la residenza nelle suddette aree entro 60 giorni (120 se residenti all’estero) dall’esito positivo dell’istruttoria non sono già titolari di altre attività d’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017 non hanno ricevuto altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità nell’ultimo triennio non hanno un lavoro a tempo indeterminato e si impegnano a non averlo per tutta la durata del finanziamento L’incentivo si rivolge a: imprese costituite dopo il 21/06/2017 imprese costituende (la costituzione deve avvenire entro 60 giorni - o 120 giorni in caso di residenza all’estero - dall’esito positivo dell’istruttoria) Fermo restando quanto sopra elencato, possono inoltre chiedere i finanziamenti: i liberi professionisti ( in forma societaria o individuale ) che non risultano titolari di partita IVA nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda per lo svolgimento di un’attività analoga a quella proposta (codice Ateco non identico fino alla terza cifra di classificazione delle attività economiche) 3- Caratteristiche del finanziamento Secondo le indicazioni di Invitalia sono finanziabili: Attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura fornitura di servizi alle imprese e alle persone turismo attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria) Mentre sono escluse le attività agricole e il commercio Resto al Sud copre fino al 100% delle spese, con un finanziamento massimo di 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci. Per le sole imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente, il finanziamento massimo è pari a 60.000 euro. A supporto del fabbisogno di circolante, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto: 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali svolte in forma individuale Fino a un massimo di 40.000 euro per le società Il contributo viene erogato al completamento del programma di spesa, contestualmente al saldo dei contributi concessi. Possono essere finanziate le seguenti spese: ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa) macchinari, impianti e attrezzature nuovi programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa Non sono ammissibili le spese di progettazione e promozionali, le spese per le consulenze e per il personale dipendente. 4- Come funzionano le agevolazioni Le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili e sono così composte: 50% di contributo a fondo perduto 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi sono interamente a carico di Invitalia. Facciamo un esempio: Se richiedi 50.000€ a Invitalia per avviare la tua attività, riceverai la somma in 25.000€ con finanziamento bancario senza interessi (cioè te dovrai soltanto preoccuparti di restituire a rate come un normalissimo finanziamento, la quota capitale, mentre gli interessi saranno a carico di Invitalia) e 25.000€ a fondo perduto (cioè ti vengono conferiti ma non dovrai restituirli, in parole povere sono regalati!). 5- Presentazione della domanda: Non esistono bandi, scadenze e graduatorie ma molto semplicemente, le domande vengono considerate a seconda dell’ordine di ricezione. Una volta inoltrata la domanda, tenete monitorata la vostra email o la PEC perché per informazioni aggiuntive o chiarimenti Invitalia potrebbe contattarvi direttamente lì. A seguito della domanda e di una prima analisi positiva da parte di Invitalia, sarete chiamati per un colloquio telefonico e soltanto dopo sarà decretata la disposizione del fondo per il vostro progetto. Prima di iniziare questo viaggio dotatevi di una firma elettronica certificata. Per chi non sapesse cos’è una firma elettronica, facciamo un piccola parentesi di seguito: Firma elettronica certificata: Si tratta di un certificato acquistabile da diversi provider (Inforcert, Yousign, Aruba, ecc) che ha la funzione di confermare l’identità di colui che sta firmando il documento. Quindi No, non si tratta della classica firma applicabile con Adobe Reader o della firma elettronica semplice. La firma elettronica certificata ha valore legale, ragione per cui si potrà firmare qualsiasi documento. Una volta applicata al documento questa firma certificata, accerterà che il documento da dopo il suo apporto, non avrà subito modifiche, insomma una sorta di sigillo elettronico. Ricorda: il documento firmato con firma elettronica cambierà l’estensione del file da PDF a P7M. Diversamente non sarà possibile caricare la domanda. Bene! Ora che sai cos’è la firma elettronica sei pronto a compilare la tua domanda! La domanda potrà essere inserita direttamente dal portale Invitalia, iscrivendosi al suddetto e procedendo alla compilazione guidata della domanda online. Lasciamo di seguito il link alla registrazione sul portale di Invitalia qui. Una volta iniziata la compilazione, non preoccuparti se non riuscirai a terminarla tutta in una volta sola, potrai salvare la bozza e modificarla tutte le volte che vorrai. Invitalia, inoltre, mette a disposizione su YouTube diversi video esplicativi e dimostrativi per aiutarti nella compilazione anche se per determinati passaggi non sarà facile dedurre le loro richieste. Alcune domande potranno risultare un po’ complesse, specialmente per chi non ha molta confidenza con numeri, file Excel e previsioni di budget. In questo caso se necessitaste di un aiuto anche solo per revisionare la correttezza e coerenza dei dati, contattaci gratuitamente ora! Beh che dire…Buona fortuna per il tuo progetto! #MeGConsulenze #Finanziamentoagevolato #Fondoperduto #Invitalia

  • Le novità del Decreto Sostegni: Contributi, cartelle di pagamento, CIG e Licenziamenti

    Dalla Gazzetta Ufficiale- 23 Marzo 2021 Dai nuovi contributi a fondo perduto, con l’ammissione tra i beneficiari anche dei professionisti, allo stralcio delle cartelle fino a 5.000 euro. Dalle proroghe fiscali alla nuova sospensione dell’attività di riscossione fino al 30 aprile. Dalla conferma della cassa integrazione Covid-19 e del divieto di licenziamento alla proroga della possibilità di rinnovo dei contratti a termine senza causale fino al 31 dicembre 2021. Ed ancora: nuovi bonus per i lavoratori stagionali e i lavoratori sportivi, conferma per tre ulteriori mensilità del reddito di emergenza, requisiti meno stringenti per la NASpI. Sono queste alcune delle misure previste dal decreto Sostegni pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Ė stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 22 marzo 2021 il decreto Sostegni (D.L. n. 41/2021), in vigore dal 23 marzo 2021, che introduce misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da Covid-19. Il provvedimento si compone di 43 articoli ed è suddiviso in 5 Titoli: Titolo I – Sostegno alle imprese e all’economia; Titolo II – Disposizioni in materia di lavoro; Titolo III – Misure in materia di sicurezza e salute; Titolo IV – Enti Territoriali; Titolo V – Altre disposizioni urgenti. Argomenti d'interesse Nuovo contributo a fondo perduto Registri Iva precompilati Contributo per le attività con sede in centri commerciali e in favore delle "Città Santuario" Aiuti di Stato Fondo per il turismo invernale Fondo autonomi e professionisti Sospensione delle attività dell’agente dalla riscossione Rottamazione ter e saldo e stralcio Proroga termini di riscossione e decadenza Pignoramenti su stipendi e pensioni Annullamento dei carichi Definizione agevolata degli avvisi bonari Allerta IVA del Fisco Imposta sui servizi digitali Conservazione fatture elettroniche Proroghe adempimenti fiscali Proroga CIG Blocco licenziamenti Indennità per lavoratori atipici, spettacolo, stagionali Nuova indennità per i lavoratori sportivi Reddito di emergenza Adeguamenti statutari ETS Lavoratori fragili Novità per Naspi Contratti a termine Esonero contributivo per le filiere agricole Fondo per il sostegno delle attività economiche particolarmente colpite dall’emergenza Esonero versamento canone unico Riforma dello sport Sostegno alle grandi imprese Ristoro per annullamento di fiere e congressi Rifinanziamenti vari 1 Nuovo contributo a fondo perduto L’art. 1 (commi da 1 a 9) prevede un nuovo contributo a fondo perduto a favore degli operatori economici colpiti dall’emergenza epidemiologica Covid-19. In particolare, il contributo è riconosciuto ai soggetti titolari di partita Iva, residenti o stabiliti nel territorio nazionale, che svolgono attività d’impresa, arte o professione o producono reddito agrario. Il contributo spetta esclusivamente ai soggetti con compensi e ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 non superiori a 10 milioni di euro a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 sia inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019. Al fine di determinare correttamente i predetti importi, si deve fare riferimento alla data di effettuazione dell’operazione di cessione di beni o di prestazione dei servizi. Per il calcolo della media mensile, i soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2019 devono considerare i mesi successivi a quello di attivazione della stessa. Il requisito relativo al calo del fatturato non è richiesto per i soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2019. Esclusi: I soggetti la cui attività risulti cessata al 23 marzo 2021 (data di entrata in vigore del decreto); I soggetti che hanno attivato la partita IVA dopo l’entrata in vigore del decreto; Gli enti pubblici di cui all’art. 74 del TUIR; Gli intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del TUIR. L’ammontare del contributo a fondo perduto è determinato in misura pari all’importo ottenuto applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019 come segue: 60% per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 100.000 euro; 50% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro; 40% per i soggetti con ricavi e compensi superiori a 400.000 euro e fino a 1 milione di euro; 30% per i soggetti con ricavi e compensi superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro; 20% per i soggetti con ricavi e compensi superiori a 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro. Il contributo è riconosciuto per un importo minimo di: 1.000 euro per le persone fisiche; 2.000 euro per i soggetti diversi. In ogni caso, l’importo massimo spettante non supererà i 150.000 euro. A scelta irrevocabile, il contributo potrà essere erogato tramite bonifico bancario direttamente sul conto corrente intestato al beneficiario o come credito d'imposta, da utilizzare esclusivamente in compensazione tramite modello F24. Al fine di ottenere il contributo a fondo perduto, dovrà essere presentata, esclusivamente in via telematica, un’istanza all’Agenzia delle Entrate con l’indicazione della sussistenza dei requisiti richiesti. La domanda dovrà essere trasmessa, anche per il tramite degli intermediari abilitati, entro 60 giorni dalla data di avvio della procedura telematica per la presentazione della stessa. Le modalità di effettuazione della richiesta, il suo contenuto e i termini di presentazione della stessa saranno definiti con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate. Con riferimento alle modalità di erogazione del contributo, al regime sanzionatorio e alle attività di controllo si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui all’art. 25, commi da 9 a 14 del decreto Rilancio (D.L. n. 34/2020). Il contributo spetta nei limiti del Quadro temporaneo per gli aiuti di Stato. 2 Registri Iva precompilati Il comma 10 interviene sul comma 1 dell’art. 4 del D.Lgs. n. 127/2015, modificato, da ultimo, dall’art. 1, comma 1106, della legge di Bilancio 2021 (legge n. 178/2020), rinviando alle operazioni IVA effettuate dal 1° luglio 2021 il termine a partire dal quale saranno messi a disposizione dei contribuenti i registri Iva precompilati e le liquidazioni periodiche Iva precompilate. Le bozze della dichiarazione annuale Iva, oltre alle bozze dei registri IVA e delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA, saranno messe a disposizione dall'Agenzia delle Entrate a partire dalle operazioni Iva effettuate dal 1° gennaio 2022. 3 Contributo per le attività con sede in centri commerciali e in favore delle "Città Santuario" Il comma 11, sempre dell’art. 1: dispone l’abrogazione del contributo a fondo perduto di cui all’art. 1, commi 14-bis e 14-ter, del decreto Ristori (D.L. n. 137/2020), in favore degli operatori con sede nei centri commerciali e degli operatori delle produzioni industriali del comparto alimentare e delle bevande; limita il contributo a fondo perduto in favore delle “Città Santuario” di cui all’art. 59, comma 1, lettera a), del decreto Agosto (D.L. n. 104/2020), ai comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti. 4 Aiuti di Stato Con i commi da 13 a 17 si consente di fruire di alcune misure di aiuto autorizzate dalla Commissione europea, o per le quali è necessaria l’autorizzazione della Commissione europea, anche sulla base della Sezione 3.12 (“Aiuti sotto forma di sostegno a costi fissi non coperti”) del Quadro temporaneo per gli aiuti di Stato qualora ne ricorrano i presupposti, quando i massimali previsti dalla Sezione 3.1 (“Aiuti di importo limitato”) non sono sufficienti e pregiudicherebbero pertanto l’effettivo diritto alla fruizione degli aiuti ammissibili sulla base della normativa nazionale. In particolare, la predetta possibilità di scegliere se applicare la Sezione 3.1 o la Sezione 3.12 è prevista per: L’art. 24 del decreto Rilancio (D.L. 34/2020) - Cancellazione del versamento del saldo Irap 2019 e della prima rata dell’acconto 2020; L’art. 25 del decreto Rilancio, gli artt. 1, 1-bis, 1-ter del decreto Ristori (D.L. 137/2020), l’art. 2 del decreto Natale (D.L. 172/2020) e i commi da 1 a 9 dell’art. 1 dello stesso decreto Sostegni-Contributi a fondo perduto; L’art. 28 del decreto Rilancio, gli artt. 8 e 8-bis del decreto Ristori e l’articolo 2-bis del decreto Natale-Credito d’imposta per i canoni di locazione di immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda; L’art. 120 del decreto Rilancio - Credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro; L’art. 129-bis del decreto Rilancio - Disposizioni in materia di imposte dirette e di accise nel Comune di Campione d’Italia; L’art. 177 del decreto Rilancio, i commi 1 e 3 dell’art. 78 del decreto Agosto (D.L. 104/2020), gli artt. 9, 9-bis, 9-ter, comma 1 del decreto Ristori, l’art. 1, commi da 599 a 602 della legge di Bilancio 2021 (legge 178/2020) - Esenzioni dall’IMU. È demandato ad un decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze il compito di definire le modalità attuative. Al comma 17 viene precisato che ai fini della disposizione si applica la definizione di impresa unica contenuta nella disciplina europea sugli aiuti di Stato “de minimis”. 5 Fondo per il turismo invernale L’art. 2 istituisce un fondo, con una dotazione di 700 milioni di euro per l’anno 2021, destinato alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano per la concessione di contributi in favore dei soggetti esercenti attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico, svolte nei Comuni a vocazione montana appartenenti a comprensori sciistici. 6 Fondo autonomi e professionisti Con l’art. 3 viene aumentato da 1 a 2,5 miliardi lo stanziamento del Fondo per l’esonero dai contributi previdenziali per autonomi e professionisti di cui all’art. 1 della legge di Bilancio 2021 (legge n. 178/2020). Viene altresì specificato che il beneficio è concesso ai sensi della sezione 3.1 del Quadro temporaneo per gli aiuti di Stato e che la sua efficacia è subordinata all’autorizzazione della Commissione europea. 7 Sospensione delle attività dell’agente dalla riscossione L’art. 4, comma 1, lettera a), slitta dal 28 febbraio 2021 al 30 aprile 2021 il periodo sospensione del versamento delle somme derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione. Con il comma 4 viene invece stabilito che le comunicazioni di inesigibilità relative alle quote affidate agli agenti della riscossione nell'anno 2018, nell'anno 2019, nell'anno 2020 e nell’anno 2021 sono presentate, rispettivamente, entro il 31 dicembre 2023, entro il 31 dicembre 2024, entro il 31 dicembre 2025 e entro il 31 dicembre 2026. 8 Rottamazione ter e saldo e stralcio La lettera b) del comma 1 dell’art. 4, prevede che le rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio scadenti nell’anno 2020 possono essere versate integralmente entro il 31 luglio 2021, mentre le rate in scadenza il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio e il 31 luglio 2021 possono essere versate entro il 30 novembre 2021 (sono riconosciuti 5 giorni di tolleranza). 9 Proroga termini di riscossione e decadenza Viene altresì disposto (articolo 4, comma 1, lettera b) che con riferimento ai carichi, relativi alle entrate tributarie e non tributarie, affidati all’agente della riscossione dall'8 marzo 2020 al 30 aprile 2021 e, successivamente, fino alla data del 31 dicembre 2021, nonché, anche se affidati dopo lo stesso 31 dicembre 2021, a quelli relativi alle dichiarazioni presentate nell’anno 2018, per le somme che risultano dovute a seguito dell’attività di liquidazione (art. 36-bis del D.P.R. n. 600/1973 e art. 54-bis del D.P.R. n. 633/1972), alle dichiarazioni dei sostituti d’imposta presentate nell’anno 2017 per le somme che risultano dovute a seguito della liquidazione definitiva dell’indennità di fine rapporto e delle prestazioni pensionistiche (articoli 19 e 20 TUIR), alle dichiarazioni delle imposte sui redditi presentate nell’anno 2017, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di controllo formale (art. 36-ter del D.P.R. n. 600/1973), sono prorogati: di 12 mesi il termine di notifica della cartella ai fini del riconoscimento del diritto al discarico delle somme iscritte a ruolo (ex art. 19, comma 2, lettera a, D.lgs. n. 112/1999) di 24 mesi (anche in deroga alle disposizioni dell’art. 3, comma 3, della legge n. 212/2000, e a ogni altra disposizione di legge vigente) i termini di decadenza e prescrizione relativi alle predette entrate. 10 Pignoramenti su stipendi e pensioni Con il comma 2 dell’art. 4 si differisce dal 28 febbraio 2021 al 30 aprile 2021 il termine finale della sospensione (disciplinata dall’articolo 152, comma 1, del decreto Rilancio) degli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati su stipendi, salari, altre indennità relative al rapporto di lavoro o impiego, nonché a titolo di pensioni e trattamenti assimilati. 11 Annullamento dei carichi Il comma 4 sempre dell’art. 4 prevede la cancellazione automatica dei debiti di importo residuo fino a 5.000 euro (comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni) risultanti da singoli carichi affidati agli adenti della riscossione dal 2000 al 2010 (anche se ricompresi nelle varie forme di rottamazione): alle persone fisiche che hanno percepito, nell’anno d’imposta 2019, un reddito imponibile fino a 30.000 euro; ai soggetti diversi dalle persone fisiche che hanno percepito, nel periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2019, un reddito imponibile fino a 30.000 euro. 12 Definizione agevolata degli avvisi bonari L’art. 5 prevede la possibilità di definire in via agevolata le somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni relative ai periodi di imposta 2017 e 2018. La misura interessa i soggetti con partita IVA attiva al 23 marzo 2021 (data di entrata in vigore del decreto) che hanno subito una riduzione maggiore del 30% del volume d’affari dell’anno 2020 rispetto al volume d’affari dell’anno precedente, e consiste nell’abbattimento delle sanzioni e delle somme aggiuntive richieste con le comunicazioni di irregolarità previste dagli articoli 36-bis del D.P.R. n. 600/1973, e 54-bis del D.P.R. n. 633/1972. 13 Allerta IVA del Fisco Il comma 14 sempre dell’art. 5 differisce di un anno la decorrenza dell’obbligo di segnalazione previsto a carico dall’Agenzia delle Entrate dall’art. 15, comma 7, del Codice della crisi d’impresa (D.lgs. n. 14/2019). Per effetto dalla modifica, l’obbligo di segnalazione del creditore fiscale decorrerà dalle comunicazioni della liquidazione periodica IVA relative al primo trimestre del secondo anno d’imposta successivo all’entrata in vigore del codice della crisi d’impresa (fissata al prossimo 1° settembre 2021), anziché dall’anno d’imposta successivo. 14 Imposta sui servizi digitali Il successivo comma 15, modificando l’art. 1, comma 42, della legge n. 145/2018, proroga, al 16 maggio di ciascun anno, del versamento dell’imposta sui servizi digitali, e, al 30 giugno di ciascun anno, della presentazione della dichiarazione. 15 Conservazione fatture elettroniche Il comma 16 prevede invece che le fatture elettroniche 2019 possono essere portate in conservazione entro il 10 giugno 2021. 16 Proroghe adempimenti fiscali Con il comma 19 slitta al 31 marzo 2021 il termine per l’invio da parte dei sostituti delle certificazioni uniche, mentre il comma 20 differisce al 31 marzo 2021 il termine entro cui i sostituti d’imposta devono consegnare le certificazioni uniche agli interessati. Il comma 21 proroga dal 16 marzo al 31 marzo 2021 la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate, da parte dei soggetti terzi, dei dati relativi a oneri e spese sostenuti dai contribuenti delle spese sanitarie rimborsate nonché degli altri dati riguardanti deduzioni o detrazioni. Il comma 22, infine, sposta al 10 maggio 2021 il termine entro cui l’Agenzia delle entrate mette a disposizione dei contribuenti la dichiarazione dei redditi precompilata. 17 Proroga CIG L’art. 8 proroga la cassa integrazione Covid-19. In particolare, viene prevista la possibilità, per i datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica, di richiedere: fino a 13 settimane di cassa integrazione ordinaria con causale “emergenza COVID-19”, da utilizzare nel periodo compreso tra il 1° aprile e il 30 giugno 2021; fino a 28 settimane di assegno ordinario e CIG in deroga, da utilizzare nel periodo compreso tra il 1° aprile e il 31 dicembre 2021. Per i trattamenti concessi non è dovuto alcun contributo addizionale. Prorogata anche la CISOA per i lavoratori agricoli, per una durata massima di 120 giorni da fruire tra il 1° aprile e il 31 dicembre 2021 (comma 8). 18 Blocco licenziamenti Al comma 9 viene confermato il blocco generalizzato dei licenziamenti individuali e collettivi: Fino al 30 giugno 2021, per i lavoratori delle aziende che dispongono di CIG ordinaria e CIG straordinaria; Fino al 31 ottobre 2021, per i lavoratori delle aziende coperte da strumenti in deroga. Il divieto di licenziamento non si applica: Nelle ipotesi di licenziamenti motivati dalla cessazione definitiva dell'attività dell'impresa; Dalla cessazione definitiva dell'attività dell'impresa conseguente alla messa in liquidazione della società senza continuazione, anche parziale, dell'attività; Nei casi in cui nel corso della liquidazione non si configuri la cessione di un complesso di beni o attività che possano configurare un trasferimento d'azienda o di un ramo di essa ai sensi dell'articolo 2112 del codice civile; Nelle ipotesi di accordo collettivo aziendale, stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale, di incentivo alla risoluzione del rapporto di lavoro, limitatamente ai lavoratori che aderiscono al predetto accordo. A detti lavoratori è comunque riconosciuto il trattamento di cui all'art. 1 del D.lgs. n. 22/2015. Sono altresì esclusi dal divieto i licenziamenti intimati in caso di fallimento, quando non sia previsto l'esercizio provvisorio dell'impresa o ne sia disposta la cessazione. Nel caso in cui l'esercizio provvisorio sia disposto per uno specifico ramo dell'azienda, sono esclusi dal divieto i licenziamenti riguardanti i settori non compresi nello stesso. 19 Indennità per lavoratori atipici, spettacolo, stagionali All’art. 10 viene riconosciuta un’indennità di 2.400 euro per le seguenti categorie di lavoratori: Ai lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e agli incaricati alle vendite, già beneficiari delle indennità di cui agli articoli 15 e 15 bis del decreto Ristori (D.L. n. 137/2020); Ai lavoratori dipendenti stagionali del settore del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021 (data di entrata in vigore del decreto), che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel medesimo periodo, non titolari di pensione né di rapporto di lavoro dipendente né di NASpI al 23 marzo 2021; Ai lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021 e che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel medesimo periodo, non titolari di pensione né di rapporto di lavoro dipendente né di NASpI al 23 marzo 2021; Ai lavoratori stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021 e che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel medesimo periodo; Ai lavoratori intermittenti che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021; Ai lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021 siano stati titolari di contratti autonomi occasionali riconducibili alle disposizioni di cui all'articolo 2222 del codice civile e che non abbiano un contratto in essere al 23 marzo 2021. Gli stessi, per tali contratti, devono essere già iscritti alla data del 17 marzo 2020 alla Gestione separata, con accredito nello stesso arco temporale di almeno un contributo mensile Agli incaricati alle vendite a domicilio con reddito annuo 2019 derivante dalle medesime attività superiore a 5.000 euro e titolari di partita IVA attiva e iscritti alla Gestione Separata al 23 marzo 2021 e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie; Ai lavoratori dello spettacolo con almeno 30 contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019 al 23 marzo 2021 al medesimo Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo, con un reddito riferito all’anno 2019 non superiore a 75.000 euro, e non titolari di pensione né di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, diverso; Ai lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali in possesso cumulativamente dei requisiti di seguito elencati: a) titolarità nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021 del decreto di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, di durata complessiva pari ad almeno 30 giornate; b) titolarità nell'anno 2018 di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato o stagionale nel settore del turismo e degli stabilimenti termali di durata complessiva pari ad almeno 30 giornate; c) assenza di titolarità, al 23 marzo 2021, di pensione e di rapporto di lavoro dipendente. 20 Nuova indennità per i lavoratori sportivi I commi da 10 a 14, sempre dell’art. 10 prevedono, invece, l’erogazione da parte della società Sport e Salute S.p.A.), di un'indennità, nel limite massimo di 350 milioni di euro per l'anno 2021, in favore dei lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Coni, il Comitato Italiano Paralimpico, le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni e dal Cip, le società e associazioni sportive dilettantistiche, i quali, in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività. Ai fini dell'erogazione delle indennità, si considerano cessati a causa dell'emergenza epidemiologica anche tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro la data del 30 dicembre 2020 e non rinnovati. L’indennità sarà pari a: 1.200 euro, per i soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ad euro 4.000 annui; 2.400 euro, per i soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura compresa tra 4.000 e 10.000 euro annui; 3.600 euro, per i soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10.000 euro annui. 21 Reddito di emergenza L’art. 12 riconosce l’erogazione di 3 mensilità - da marzo a maggio 2021 - del reddito di emergenza (REM) ai nuclei familiari in condizioni di necessità economica in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. 22 Adeguamenti statutari ETS L’art. 14, comma 2, interviene di nuovo sull’art. 101 comma 2, del Codice del Terzo settore (di cui al D.lgs. n. 117/2017), prorogando dal 31 marzo 2021 al 31 maggio 2021 il termine entro cui ONLUS, ODV e APS costituite prima del 3 agosto 2017 possono effettuare gli adeguamenti statutari con procedura semplificata (cioè con le maggioranze previste per l’assemblea ordinaria). 23 Lavoratori fragili L’art. 15 estende fino al 30 giugno 2021 le tutele disposte a favore dei lavoratori fragili dall’art. 26 del decreto Cura Italia (D.L. n. 18/2020). In particolare, viene prorogata fino al 30 giugno 2021 la possibilità per i dipendenti (pubblici o privati) con immunodeficienze e disabilità certificate di svolgere le loro attività in modalità di lavoro agile. Nel caso in cui detti lavoratori fragili non possano svolgere il lavoro in smart working o non usufruiscano della cassa integrazione guadagni, viene confermata fino al 30 giugno 2021 l’equiparazione delle assenze dal lavoro al ricovero ospedaliero. Viene inoltre stabilito che i periodi di assenza dal servizio non sono computabili ai fini del periodo di comporto e, per i lavoratori in possesso del predetto riconoscimento di disabilità, non rilevano ai fini dell’erogazione delle somme corrisposte dall’INPS, a titolo di indennità di accompagnamento. 24 Novità per Naspi All’art. 16 viene previsto che a decorrere dal 23 marzo 2021 e fino al 31 dicembre 2021 l’indennità Naspi è concessa a prescindere dalla sussistenza del requisito delle 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione. 25 Contratti a termine L’art. 17 dispone la proroga, dal 31 marzo 2021 al 31 dicembre 2021, della possibilità per i datori di lavoro di rinnovare o prorogare per un periodo massimo di 12 mesi (ferma restando la durata massima complessiva di 24 mesi) e per una volta sola, i contratti di lavoro subordinato a termine, anche in assenza delle causali di cui all’art. 19, comma 1 del D.Lgs. n. 81/2015. 26 Esonero contributivo per le filiere agricole L’art. 19 riconosce alle aziende appartenenti alle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura, comprese le aziende produttrici di vino e birra, l'esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, per la quota a carico dei datori di lavoro per la mensilità relativa a gennaio 2021. 27 Fondo per il sostegno delle attività economiche particolarmente colpite dall’emergenza Con l’art. 26 viene istituito un Fondo da 200 milioni di euro, da ripartire tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, da destinare al sostegno delle categorie economiche particolarmente colpite dall'emergenza da COVID-19, comprese le imprese esercenti attività commerciale o di ristorazione operanti nei centri storici e le imprese operanti nel settore dei matrimoni e degli eventi privati. 28 Esonero versamento canone unico L’articolo 30 proroga dal 31 marzo al 30 giugno 2021 l’esenzione dal versamento del canone unico di cui ai commi 816 e seguenti della legge n. 160/2019. Il beneficio fiscale riguarda le occupazioni effettuali dalle imprese di pubblico esercizio di cui all’articolo 5 della legge n.287/1991 e le occupazioni temporanee che vengono realizzate per l’esercizio dell’attività mercatale. Vengono inoltre confermate fino al 31 dicembre 2021 le modalità semplificate di presentazione delle domande di concessioni per l’occupazione del suolo pubblico e di misure di distanziamento di posa in opera temporanea di strutture amovibili. 29 Riforma dello sport Con i commi da 7 a 11, sempre dell’articolo 30, viene slittata al 1° gennaio 2022 l’entrata in vigore dei decreti delegati contenenti la riforma dello sport (Decreti legislativi 36/2021, 37/2021, 38/2021, 39/2021 e 40/2021), pubblicati nelle Gazzette Ufficiali n. 67 del 18 marzo 2021 e 68 del 19 marzo 2021. Confermata invece al 1° luglio 2022 l’entrata in vigore della riforma del lavoro sportivo. 30 Sostegno alle grandi imprese All’art. 37 viene prevista l’istituzione di un Fondo di 200 milioni, attraverso cui saranno concessi finanziamenti della durata di 5 anni, a favore delle grandi imprese che si trovano inCopyright©- Riproduzione riservata situazione di temporanea difficoltà finanziaria in relazione alla crisi economica connessa con l'emergenza epidemiologica da Covid. Ammesse anche le imprese in amministrazione straordinaria. 31 Ristoro per annullamento di fiere e congressi Con l’art. 38, commi da 3 a 5, si istituisce un fondo con una dotazione pari a 100 milioni di euro per l’anno 2021 destinato al ristoro delle perdite derivanti dall'annullamento, dal rinvio o dal ridimensionamento, in seguito all'emergenza epidemiologica da Covid-19, di fiere e congressi. Sarà un decreto del Ministro del turismo a definire la ripartizione degli importi e la concreta attuazione delle misure di ristoro. 32 Rifinanziamenti vari Viene previsto il rifinanziamento: di 400 milioni di euro per l’anno 2021 e di 80 milioni di euro per l’anno 2022 del Fondo sociale per occupazione e formazione istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali (art. 9); di 1 miliardo di euro del Reddito di cittadinanza (art. 11); di 10 milioni di euro per l’anno 2021 del Fondo per il reddito di ultima istanza per i professionisti (art. 13); di 100 milioni di euro per l’anno 2021 del Fondo straordinario per il sostegno degli enti del Terzo settore (art. 14); di 103,1 milioni di euro per l’anno 2021 del Fondo a tutela dei lavoratori fragili (art. 15). di 200 milioni, per l’anno 2021, la dotazione del Fondo di parte corrente di cui all’articolo 89, comma 1, del D.L. 18/2020 destinato al sostegno delle emergenze dei settori dello spettacolo, del cinema e dell'audiovisivo (art. 36). di euro 150 milioni di euro per l'anno 2021 il Fondo di cui all'art. 72, comma 1, del decreto Cura Italia (D.L. 18/2020) per la concessione di contributi a fondo perduto commisurati ai costi fissi sostenuti dal 1° marzo 2020 e non coperti da utili a favore di enti fieristici italiani, costituiti in forma di società di capitali nonché delle imprese aventi come attività prevalente l'organizzazione di eventi fieristici di rilievo internazionale (articolo 38); di 150 milioni di euro il Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura (art. 39) #MeGConsulting #DLStostegni

  • Aumentare produttività in azienda in 5 mosse

    Oggi scopriamo come migliorare la produttività in azienda in 5 mosse che possono essere attuate immediatamente, a basso costo per l'impresa e che producono benefici già nel breve periodo. Partiamo con la ricetta e non dimenticate di iscrivervi al nostro blog per restare aggiornati su tutte le prossime ricette in uscita Tipo di manovra: Strategica Tempo di attuazione: Breve / Medio Periodo Difficoltà di attuazione: Medio Bassa Costo operazione: Basso Poniamo ora l'attenzione sui 5 punti principali che ogni impresa dovrebbe tenere bene a mente quando si relaziona con i propri collaborati mirando sempre come scopo ultimo all'incremento del rendimento di lavoro. Ricordiamo anche che l'incremento della produttività NON NECESSARIAMENT E si convertirà in un ritorno economico nel breve periodo. A seconda dell'azienda / settore di mercato / prodotto / grandezza dell'impresa / nr di dipendenti, ecc il tempo necessario per vedere un riscontro può dilatarsi. 1- Trovare la chiave per ognuno 2- Sostenere ed incoraggiare costantemente i tuoi dipendenti 3- Dare l'esempio 4- Responsabilizzare 5- Interrogarsi per primi 1- Trovare la chiave per ognuno Ognuno di noi ha bisogno di un obiettivo da raggiungere nella vita e di certo non possiamo pretendere che le persone solo perché lavorano con/per noi abbiano i medesimi nostri obiettivi. Bisogna trovare degli obietti stimolanti per i propri dipendenti che li portino a lavorare meglio e a dare sempre il massimo. Che sia un'obbiettivo economico, una crescita professionale o un riconoscimento, bisognerebbe sempre fissare un target stimolante e adeguato alla figura in azienda. 2- Sostenere ed incoraggiare costantemente i tuoi dipendenti Incoraggiare i propri collaboratori a lavorare bene significa saper approcciare ed entrare in sintonia con loro. Complimentarsi, incoraggiare e riconoscere un merito o un premio possono sembrare piccoli gesti ma ai loro occhio avranno un significato enorme e vi ringrazieranno per questo. Ricordatevi che anche il linguaggio del corpo è molto importante per questo motivo fate molta attenzione a come vi ponete e atteggiate. Un dipendente posto in un ambiente di lavoro così strutturato sarà sempre portato a fare bene e forse anche più di quello che gli è richiesto. 3- Dare l'esempio Il Top Management o, nel caso di realtà più piccole, i fondatori sono sempre i primi a dettare la strada da seguire. Quando indirizzate o consigliate un comportamento cercate sempre di essere voi i primi a mostrare come fare e a rispettare le linee guida. Se pretendete molto dai vostri collaboratori allora anche voi dovrete dare molto e fare la vostra parte. A nessuno piace ammazzarsi di lavoro se gli altri non fanno nulla a maggior ragione se è il top management o la proprietà. Quindi il capitano non abbandoni la sua nave! 4- Responsabilizza Responsabilizzare i propri collaboratori significa renderli partecipi alle decisioni aziendali e definirli anche come unici interlocutori ai quali rivolgersi in merito a tematiche prestabilite. Questa punto è particolarmente importante, quindi prestiamo attenzione per non creare più danni che benefici. Qualsiasi sia il livello di inquadramento e la mansione, essere considerati e ascoltati, piace a tutti e provoca un senso di appagamento interiore che condurrà sicuramente verso un maggior impegno sul fronte lavorativo. Ancora di più quando si è gli unici responsabili per una particolare tematica o area di lavoro. Attenzione! Definite BENE le responsabilità di ognuno con particolare attenzione ai compiti da svolgere e ai limiti della loro responsabilità, affinché non ci siano più figure a ricoprire il medesimo incarico con rischio conflitti per. Ovviamente possono esservi più figure responsabili che vertono allo stesso obiettivo ma bisogna sempre disciplinare e definire i compiti di entrambi. 5- Interrogarsi per primi Quando riscontriamo qualcosa che non funziona o che ci induce in errore, bisogna sempre chiedersi cosa non ha funzionato. Una riflessione personale dove ci si interroga è sempre il primo passo per comprendere a pieno quello che è successo. Questo processo è da compiere da soli cercando di essere il più sinceri, obiettivi e imparziali possibile. L'autoanalisi permette di comprendere dove si è errato o peccato di negligenza. E' un processo di metabolizzazione e analisi dei problemi non convenzionale e per tutti, soprattutto figure senior e management, dovrebbe diventare una routine questa pratica. Facciamo un esempio pratico: Se si riscontrano delle mancanze o delle inefficienze da parte di uno o più collaboratori, prima di far presente l'errore, dovremmo chiedere e scoprire come sono arrivati ad errare, perché è successo, quale è stata la fonte generatrice. Con questi piccoli accorgimenti spesso e volentieri si scoprono inefficienze e falle nei sistemi e nelle procedure e in breve tempo sarà possibile creare dei sistemi molto più efficiente e produttivi. Necessiti di supporto aziendale, di un Temporary Manager o di ridefinire le strategie e i processi interni? In M&G Consulting sappiamo come procedere. In breve tempo raggiungerai i tuoi obiettivi e target. Chiedici un preventivo gratuito!

View All
Pages (48)
  • Sviluppo E-commerce | M&G Consulting

    Realizza l'E-commerce ideale per il tuo Business State cercando uno Studio di Consulenza e Web Agency che sappia realizzare soluzioni efficaci per il vostro business online? M&G Consulting vi seguirà dalla c sito E-commerce Consulenza reazione del vostro alla Marketing Strategica SEO, SEM fino alla realizzazione dei vostri obiettivi aziendali nel digitale. ​ Creiamo siti E-commerce di qualità, funzionali e professionali M&G Consulting è pratica nel realizzare siti e-commerce per ogni settore presente sul mercato: alimentari, moda, tecnologia, accessori e gadget, oggettistica per la casa… I nostri servizi sono adattabili e personalizzati per ogni vostra richiesta. Siamo specializzati nella creazione di siti e-commerce sviluppati su Shopify, Wix Stores, Woo Commerce, Magento e PrestaShop. E-commerce per B2B o B2C? Non importa! I nostri servizi sono personalizzati per ogni Azienda Contattaci Ora Che la tua azienda venda oggettistica o servizi per altre aziende ti garantiamo che la realizzazione di un sito e-commerce professionale, unico e curato nel dettaglio sarà per noi la priorità in fase di progettazione. Il sito di vendita online che vi porterà maggiori profitti è bene che, oltre a essere bello e pratico, mantenga un'ottima posizione sui motori di ricerca risultando visibile dagli utenti che ricercano i vostri prodotti o servizi. Avere uno strumento di vendita efficace, funzionale e che soprattutto compaia tra i primi risultati di ricerca garantirà nel tempo un arricchimento crescente del vostro business. Fatti consigliare da professionisti nel settore, riduci lo spreco d'investimento e guadagna tempo e risorse ottimizzando i tuoi processi aziendali interni. E-Commerce Complete dalla A alla Z Almeno il 90% degli utenti sul Web ricerca un prodotto, un servizio, un omaggio o un’azienda. Essere quindi nei primi risultati di ricerca significa vendere di più e più facilmente. Sarà altrettanto importante il design del sito e-commerce, l’esperienza di navigazione e di acquisto affinchè l'utente diventi, col tempo, cliente fidelizzato. Questo è ciò che offriamo: eleganza ed efficienza Catalogo Offriamo siti e-commerce completi e studiati ad-hoc per il vostro business. La gestione dei cataloghi sarà intuitiva, rapida e funzionale. Prodotti suddivisi in categorie, filtraggi complessi, offerte e sconti sono alcune delle funzionalità previste nelle e-commerce progettate da noi. Prevediamo in oltre l’integrazione di sistemi di monitoraggio dei dati con relative statistiche di visibilità per categoria e vendita per prodotto. Prodotti Che si tratti di un e-commerce per prodotti di moda, alimentari o oggettistica d’ogni genere sviluppiamo pagine con un’interfaccia grafica coerente, bella e accattivante per trattenere, intrattenere e portare all’acquisto i vostri clienti. Le pagine prodotti mostreranno immagini curate e relative descrizioni per soddisfare la curiosità dei potenziali acquirenti. Pagamenti Le e-commerce che progettiamo prevedono soluzioni ottimali per la gestione degli ordini e dei pagamenti. Oltre l’implementazione dei gateway di pagamento, tra cui i principali sono Paypal e Stripe, possiamo integrare metodi di pagamento alternativi sulla base delle vostre richieste: bonifico bancario, pagamento alla consegna, piattaforme in grado di operare con i maggiori circuiti bancari che consentono pagamenti con carte di credito e di debito. Valuta La possibilità di pagare in diverse valute viene data dalla geolocalizzazione approssimativa dell’utente. I siti di vendita online in genere sono in grado di identificare almeno il paese di appartenenza associandovi in automatico la valuta e il valore dell' IVA, senza contare eventuali sconti o diversi costi di spedizione. Quindi dare modo ai clienti di pagare secondo la valuta del proprio paese è il miglior modo di offrire un servizio valido e completo. Multilingua Le nostre e-commerce vengono create con già predisposte le basi per supportare più lingue oltre a quella predefinita. Se vendere all’estero è previsto dal vostro business sarà bene avere in sito di vendita online visibile dai motori di ricerca esteri. Traducendo i testi del sito, i tag, metatag e tutto ciò che concerne la SEO darà alla vostra e-commerce un maggior vantaggio competitivo sia sui motori di ricerca italiani che esteri. Promozioni Possiamo integrare omaggi, sconti e promozioni attraverso logiche definite come ad esempio: uno sconto (percentuale o no) di prodotti selezionati oppure spedizioni a costo zero superato un certo valore o anche dare in omaggio alcuni prodotto in seguito all’acquisto di determinati prodotti. Come già accade in molte e-commerce (vedi Amazon), prevediamo l’integrazione di strategie up-selling e cross-selling, per indurre il cliente a comprare più di quel che gli sarebbe servito (caso 1) o mostrargli cosa di correlato potrebbe acquistare (caso 2) SEO base In ogni piattaforma e-commerce verrà ideata una predisposizione SEO base per ottenere i primi dati relativi all’indicizzazione sui motori di ricerca. Per ottenere una miglior indicizzazione sarà quindi necessario produrre traffico sul sito in un formato che faciliti lo scambio di dati. Detto in altre parole organizziamo i contenuti testuali e multimediali del sito e-commerce affinchè questo venga trovato facilmente dagli utenti. Questo passaggio sarà necessario per incrementare la visibilità della vostra e-commerce Marketing e strategia È importate per accrescere il proprio business dare il massimo della visibilità ai prodotti in vendita sulla piattaforma e-commerce sfruttando ogni strumento marketing con strategia e cognizione. Inseriremo, se gradito, i vostri prodotti in portali di comparazione prezzi per dar maggior visibilità al sito nei risultati di ricerca. Sfrutteremo anche le funzionalità dei social network collegando i post pubblicati alle relative pagine dei prodotti o addirittura ricreando un piccolo shop all’interno del tuo account social. Data Security La sicurezza è fondamentale per garantire il successo di un e-commerce. In primis il sito va reso immune da eventuali malware, backdoors o spambot. M&G Consulting garantisce un elevato standard di sicurezza dei sito web, e-commerce, land page che crea. Rendiamo impossibile l’hackeraggio dei dati a partire dalla certificazione SSL, psw varie ed effettuando backup periodici di dati e info sensibili. Report e Statistiche Monitorare l'andamento della tua E-commerce sarà facile e veloce! Statistiche e reportistica dettagliate: visualizzazione del totale del venduto, valore medio del carrello nell’arco di tempo stabilito, ordini effettuati per prodotto, disponibilità e giacenza media magazzino, valore delle commissioni dei sistemi di pagamento e via dicendo. Oltre alle infografiche di vendita legate all’e-commerce attraverso specifici web tools, strumenti di analisi web, viene monitorato il comportamento degli utenti all’interno del sito: quanto tempo rimane, cosa ricerca, su cosa si informa e molto altro. Quindi oltre ad avere pieno controllo sull’andamento del business, avrai modo di delineare con precisione il profilo del tuo cliente ideale, dandoti così modo di perfezione la tua strategia di comunicazione. Desideri incrementare le vendite e i profitti della tua azienda? Un sito E-commerce è la soluzione Negli ultimi anni le attività online hanno incrementato smisuratamente il loro valore, offrendo prodotti e servizi facilmente agibili e accessibili per il grande pubblico. Pertanto è fondamentale munirsi di uno strumento digitale efficiente per competere ad armi pari con la concorrenza. L’E-commerce fa riferimento alla commercializzazione di beni e servizi, uno scambio digitale tra fornitore e consumatore e data la facilità con cui i consumatori ricercano prodotti e servizi sarà bene per voi assicuravi un vantaggio sulla concorrenza avvalendovi di questo potente strumento di vendita web. Non è importante che tipologia di business avete, ma è fondamentale diversificare i vostri profitti con canali di vendita diversi, affinchè il vostro business cresca e prosperi. Contattaci Ora Affidatevi alla nostra professionalità Per maggiori informazioni o per un preventivo sulle nostre soluzioni e-commerce contattaci senza alcun impegno all’indirizzo studio@megconsulenze.it La consulenza è gratuita!

  • Brand Indentity Brand awarness | M&G Consulting Web Agency

    BRAND IDENTITY "Definire in un attività o progetto quale sia la propria missione, la propria visione e i propri valori ne sancisce il suo effettivo inizio. La Brand Identity altro non è che l'Identità Aziendale della tua attività, il quale viene socialmente riconosciuta attraverso i prodotti e/o servizi che vengono preposti." Contattaci Ora Studio della Brand Identity Molto più di un semplice Logo Scegli con Gusto Distinguiti dagli altri Scelta dei Colori Immaginiamo per Voi Pensiamo fuori dagli schemi Creazione del Logo Impressiona i tuoi clienti Il nome è la prima cosa che si sente! Creazione del Nome Icone e Simboli come parole Comunica e suscita emozioni con le icone! Iconografia Ti renderemo Unico! La tua identità risiede anche nel font che usi! Sviluppo del Font Urlerai a tutti Chi Sei! Ti faremo sentire da tutti i clienti Tone of Voice Grafico Raccontaci di più sul tuo logo e sulla Brand Identity che sogni. Noi la realizzeremo! Contattaci La Brand Identiy Molto più di un semplice Logo Gli elementi con cui comunicare l'identità di una azienda sono molti e tutti importanti per poter creare una vera e propria identità: ​ : creazione del nome dell'azienda, prodotto o servizio; Designation : progettazione di un marchio dal design originale; Logo : scelta coerente di una "tavolozza" di colori in linea con l'idea d'identity aziendale; Colori : impiego di uno o più caratteri o progettazione di un font ex-novo; Font : ideazione di un sistema di icone adatto all'identity aziendale (logo, colori e caratteri); Iconografia : scelta delle immagini e del loro trattamento; Immagini : la modalità cui le immagini, i testi, i colori, i trattamenti grafici compongono i materiali di comunicazione. Tone of voice grafico : biglietti da visita, firma elettronica, volantini, gadget... materiali Curando ogni singolo aspetto arriverete a creare un'eccellente Brand Experience per i vostri clienti che vi ricorderanno proprio per tutti quei caratteri distintivi. ​ Il successo di un Brand nasce dall'interscambio tra e , ovvero l'identità che l'azienda vuole comunicare e l'immagine che il pubblico percepisce. Brand Identity Aziendale Brand Image Il caratteri di una Brand Identity efficacie Semplicità Al contrario del puro significato del termine semplicità, spesso e volentieri il lavoro che si cela per ottenerla, è tutto fuorchè semplice. La semplicità è alla base di tutti i concetti e prodotti ed è da li che si sviluppano interi progetti, idee e ispirazioni, ed è lì che ti rifai quando ti senti perso senza una rotta da seguire. Nel mondo odierno tendiamo a complicare notevolmente i concetti per renderli originali ma la sua presenza rimane la base. Trovarla è solo l'inizio. "La semplicità non è affatto semplice"- Cit. Charlie Chaplin. Unicità La consapevolezza nel sapere di essere unici. Ognuno di noi si contraddistingue dagli altri per determinati caratteri e così succede anche nel mondo delle imprese. L'unicità è un carattere fondamentale che spesso viene sottovalutato. Anche quando nel mercato troviamo due aziende che propongono prodotti e servizi simili, spenso hanno tra di loro dei caratteri distintivi studiati ad hoc, e che gli permettono di accaparrarsi una determinata fetta della domanda di mercato. l'unicità non risiede solo nell'aspetto materiale ma anche nell'ambito delle sensazioni ed emozioni. Coerenza Termine derivante dal latino: cioè stare bene insieme. Portare coerenza all'interno del business non significa soltanto rispecchiare in maniere eguale ogni concetto in tutte le parti dell'azienda ma significa anche creare armonia ed equilibrio nei concetti. Trasferirli e riprodurli in vari ambiti aziendali è l'aspetto più importante e difficile. cohaerens - composto di "co-" e "haerere" , insieme essere attaccato

  • Siti Web per imprese - M&G Consulting Srls | Milano

    Sviluppo Siti Web Creiamo siti web strutturati per PMI e Grandi Aziende. Elaboriamo per voi soluzioni mirate per siti web funzionali ed efficenti Siti Personalizzati Realizzeremo ogni vostro progetto Migliaia di aziende hanno il proprio sito web, ma un sito efficace lo sarà solo se rappresenterà al meglio la vostra immagine aziendale e raggiungerà il target designato. ​ Garantirsi un sito web efficace sia nella forma che nella sostanza è la nostra missione. Il sito web aziendale è lo strumento di comunicazione più importante di cui una PMI o Grande Azienda potrà disporre. ​ Troveremo la giusta soluzione per il vostro business garantendo il rispetto del budget stabilito. Il vostro sito web verrà realizzato e organizzato strategicamente affinchè sia un efficace strumento di conversione e che fornisca una buona brand image. N.B. "Il sito web è uno dei principali mezzi di comunicazione che possono utilizzare aziende, liberi professionisti e privati per raggiungere tutti coloro a cui desiderano rivolgere le proprie offerte e comunicazioni, siano essi servizi, prodotti, idee, informazioni" Contattaci qui Siti Web Unici! Realizziamo siti aziendali curati in ogni aspetto Siamo in grado di redigere progetti web complessi sulla base delle vostre richieste, rispettando il budget predisposto e sorprendendo le vostre aspettative. I nostri servizi di comunicazione online garantiranno una forte identificazione del brand, ottimizzando i contenuti testuali e multimediali senza sacrificare l’usabilità pratico del sito web. L’equilibrio di questi elementi costituisce buona parte della strategia di comunicazione aziendale che vorrete adottare. Gli step che seguiremo per creare il tuo Sito web Aziendale Target: decidiamo assieme chi dovrà visitare il vostro Sito web In primis va capito a chi va offerto il prodotto/servizio che si propone: uomini e donne di una certa età, o con un determinato reddito e così via. Perciò uno studio di fattibilità del business, uno studio del settore e una buona analisi dei competitor saranno le prime cose di cui occuparsi per determinare al meglio la tipologia di Sito web da creare. In sunto: studiamo la vostra offerta aziendale e il mercato di riferimento successivamente analizziamo i competitor diretti e indiretti presenti sul mercato e sulla base dei dati raccolti tracceremo il profilo del vostro cliente ideale. Conclusa questa fase di studio avremo già chiaro come sviluppare un Sito web funzionale ed efficace. Stabiliamo a quale domanda di mercato il vostro prodotto/ servizio risponde Una volta delineato il profilo del cliente ideale bisogna identificare la ragione secondo cui il target a cui vi riferite debba rivolgersi a Voi piuttosto che ad altre aziende. Quindi con l’ausilio di testi accattivanti e immagini belle, nitide e significative andremo ad incuriosire il visitatore e farlo immedesimare in ciò che stiamo cercando: il cliente ideale. Ovviamente la disposizione del tutto, i font e le size adottate giocano un ruolo rilevante nell’attirare e trattenere i visitatori. Quindi posta la domanda, il vostro sito dovrà fornire una risposta che esponga di fatto le motivazioni e i vantaggi per cui è bene scegliere i vostri prodotti o servizi piuttosto che quelli della concorrenza. A supportare la vostra risposta alla domanda di mercato ci dovranno essere testimonianze, recensioni e se volete anche reali applicazioni del vostro operato. Realizziamo Siti web fatti su misura per voi e per i vostri clienti Creiamo una pagina web che calzi a pennello le linee guida tracciate negli step precedenti, facendo sempre capo alla vostra identità aziendale. Questo strumento di vendita dovrà essere efficiente e coerente con ciò che l’azienda e il prodotto rappresenta. Contemporaneamente elaboreremo la strategia migliore per aumentare traffico sul tuo sito, tenendo in considerazione le diverse modalità di comunicazione degli strumenti che andremo a utilizzare (posizionamento SEO, annunci Google, Facebook Ads, Instagram Ads ecc. Tutto questo garantirà in seguito di studiare il comportamento dei visitatori all’interno del Sito web ed eventualmente individuare imperfezioni da correggere. Avrete in mano un Sito Web efficiente e unico. Scopri nuovi canali di profitto coi nostri Siti Web Congratulazioni! Se sei arrivato fin qui è probabile che Tu stesso sia in grado di dare una risposta plausibile al perché serve tutto questo. Afferma il tuo Brand nel mercato digitale, sbaraglia la concorrenza e accresci il tuo Business! Questo non è L’Ultimo Step del nostro operato, ma è l’inizio del Vostro. Incanalando i visitatori alla Call to Action, che potrà essere un form di contatto o l’iscrizione alla newsletter, verrà determina la conversione dell’utente a potenziale cliente e quindi raggiunto lo scopo finale del tuo Sito Web. M&G Consulting crea soluzioni E-COMMERCE adatte ad ogni richiesta Creiamo sito e-commerce aziendale con gestionali sviluppati su misura e mobile responsive. L’e-commerce dovrà favorire la navigazione degli utenti restando intuibile e veloce da utilizzare. Un e-commerce è un sito online non diverso dalla vetrina di un negozio fisico, in grado di convertire e monetizzare. Un e-commerce di successo potrà essere definita tale solo se l'esperienza di utilizzo risulta piacevole agevole e accattivante. Indipendentemente dalla tipologia di prodotto esposto, gli utenti dovranno in primis restare catturati dal design, la struttura del sito e dalla sua semplicità. Organizziamo strategicamente la disposizione delle foto dei prodotti, delle caratteristiche, i prezzi facendo leva attraverso l'emotional marketing. L a Web Experience che creeremo per voi porterà a un reale incremento delle vendite, massimizzando l'esperienza d'acquisto dei vostri clienti. Rinnovare un sito web o farlo da zero? Con noi è sempre il momento giusto per cominciare! Contattaci ora per un preventivo . gratuito e senza impegno Richiedi ora un preventivo

View All

Business Consulting - Strategic Consulting - Web Agency - Digital marketing - Website Creation - Company Website Creation - E-commerce Website Creation - Logo Creation - Website Restyling - Web Agency Milan - Advertising spots

Business Consulting and Digital Marketing

M&G Consulting is a consulting company both from the point of view of business and managerial consultancy and from the point of view of digital marketing . We are an experienced Business Consulting and C ommunication . Specialized in the study, design, development and creation of websites   optimized positioning service Web sites of Google , SEM   and all search engines. We are also an SEO Milan agency   specialized in Web Marketing and SEO Consulting starting from Web design or restyling of existing websites, graphics and blogs for the web , study and creation of brands and logos , internet services. E-commerce creation and mobile site development, commercials production and corporate video creation. Business and Strategic Consulting, study and development of new products for companies and Lean Think users. Support for Startups , SMEs and Large Enterprises

  • Black Icon LinkedIn
  • Black Icon Blogger
  • Nero Facebook Icon
Logo M&G Consulting - meg consulenze Studio consulenza Aziendale e Web Agency

© Copyright 2020  -

M&G Consulting Srls

- All rights reserved.

M&G Consulting Srls

| Registered Office - Viale Monza 355, 20126, Milan (MI), VAT number 10604830967 -